Baita Segantini – Dolomiti

baita-segantini-by-guerrini-stefano-2

Clicca sull’immagine per ingrandirla.

Questa immagine è stata scattata in prossimità della Baita Segantini. In questo luogo visse da eremita per 35 anni Alfredo Paluselli: alpinista e fondatore della prima scuola di sci delle Dolomiti. Nel 1936 scelse questo posto per costruire il suo piccolo rifugio (oggi Baita Segantini). Costruì anche la strada per raggiungerlo e il lago. Quest’ultimo, situato proprio sotto la Baita, venne creato deviando un corso d’acqua.

La posizione di questo rifugio è molto scenografica, si trova a ridosso delle Pale di San Martino, nei pressi del passo Rolle. Sulla destra una delle vette più fotografate della regione, il Cimon della Pala (3184 metri). Soprannominato anche il Cervino del Trentino per via della sua particolare conformazione che ricorda proprio quella del massiccio valdostano!

La cima subito a sinistra, ovvero cima Vezzana, raggiunge i 3192m. Terza in ordine di altezza, sulla sinistra, cima Bureloni (3130m).

Come raggiungere questo posto: ci sono due salite principali per arrivare in questa zona: dal passo Rolle e dalla val Venegia.

percorso
OpenStreetMap

La salita dal Rolle è, fra le due, la più comoda e rapida. Arrivati in prossimità del passo si può parcheggiare la macchina in uno dei piazzali adibiti a parcheggio e seguire la segnaletica per Capanna Cervino – Baita Segantini. Il percorso da fare a piedi è molto breve (circa 40minuti) e pianeggiante, il dislivello è di circa 200m. La salita da questo versante permette di avere degli scorci molto belli perché il Cimon della Pala è sempre visibile durante il percorso di avvicinamento.

Suggerimenti fotografici: nel mio scatto ho voluto dare enfasi alla luce del tramonto che illuminava le cime dietro a Baita Segantini! Ho utilizzato una lunghezza focale di 16mm per avere un’inquadratura ampia che includesse, oltre alle cime e al rifugio, anche buona parte del lago ricoperto dalla neve.

Inutile sottolineare che, posizionandosi vicino alla riva occidentale del lago, data la prospettiva che si viene a creare, si verrà letteralmente rapiti dalla massiccia presenza del Cimon della Pala.

Fotografare con lenti grandangolari porta a risultati che a volte possono lasciare insoddisfatti. Questo tipo di lente, se non utilizzato correttamente, tende a creare delle immagini che non rispecchiano le reali proporzioni di ciò che si ha di fronte. Spesso quindi, una volta arrivati a casa, non si trova nelle immagini scattate la stessa “spettaccolarità” e massiccia presenza che ci sembrava avesse una determinata cima o catena montuosa nel momento dello scatto.

Importante è quindi capire come utilizzare questa lente, perché se usata male non ci sarà possibilità di correzione alcuna anche scattando in un formato RAW. Molti fotografi paesaggisti sfruttano questa particolare caratteristica a proprio favore ottenendo una enfatizzazione delle proporzioni di ciò che hanno di fronte.

Senza qui scendere in tecnicismi, inserisco un veloce e approssimativo confronto di una scena scattata in due modi differenti utilizzando la stessa lente.

suggfot1suggfot2I due risultati sono molto diversi. Nonostante (quadrato nero) l’inquadratura sia all’incirca la stessa, le dimensioni delle montagne sullo sfondo cambiano nettamente fra di loro. A sinistra le cime sembrano molto più piccole rispetto a destra dove invece appaiono molto più maestose.

Se vuoi conoscere di più sulle tecniche utilizzate per questo scatto o vuoi consigli su come ottimizzare le tue immagini o semplicemente vuoi visitare la zona qui fotografata, scrivimi a info@guerrinistefano.com

L’immagine è stata ridotta a 1000px verticali ma è disponibile anche in alta risoluzione per la stampa. Ogni riproduzione totale o parziale con qualsiasi mezzo senza consenso è vietata e sarà perseguita a norma di legge.

H o m e

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s