Selfie Nero Lake – Sony World Photography Awards 2016

Selfie Nero Lake Guerrini Stefano

Selfie Nero Lake is my photography chosen among the 10 shortlisted images of the panoramic section in the Open Competition of the Sony World Photography Award 2016. As shortlisted image, it competed for the final prizes of the competition, and it has printed in the official book edition 2016.

It has been announced like 3rd place at the Italy National Award at Sony World Photography Awards 2016 last 15th march 2016 (http://worldphoto.org/national-award-2016/italy-national-award-2016-sony-world-photography-awards/).

I am very glad that this image has been chosen.

The photographs are simply the end result of situations and reports of special moments and this, more than any other, will remain in my memory because of how it was taken.

I always thought that in landscape photography human presence gives a considerable added value to the image itself, because the presence of a person gives the right proportions to the photographed landscape, both because sometimes the image expresses a significant link between the explorer and the earth that is explored, that is present in the most beautiful landscape photographs.

That October day I was alone near one of the most photographed lake of our Trentino, the Black Lake placed above the Nambrone valley. The only way to have a human presence was to photograph myself in my own photography. So I decided to be present in my photograph, leaving the camera on a tripod connected to a remote control. After an initial delay of about 10 minutes, the remote control has started to activate the photocamera every minute. Just enough time to go to the opposite side of the lake and look for the most natural position on the rock that gave the better composition. Just enough the time to “jump” into my photo.

The photo camera was near the water of the lake. It has allowed me to get a unique perspective where nearby rocks to the lake, over which I was, have similar sizes to the Brenta mountains that are in the other side of the Val Rendena and the Moon .

The eye of who looks this image is deceived by the perspective and my figure looks really big, the same size of mountains of the Brenta and of the Moon!

——————————————————————-

Selfie Nero Lake è  la mia fotografia, scelta fra le 10 immagini della shortlist della sezione foto panoramiche Open Competition dei Sony World Photography Awards 2016. Come immagine shortlisted ha concorso per i premi finali, ed è stata stampata sul libro ufficiale dell’edizione 2016.

Ha ricevuto il premio come terza classificata agli Italy National Awards dei Sony World Photography Awards 2016 (http://worldphoto.org/national-award-2016/italy-national-award-2016-sony-world-photography-awards/)!

Sono molto contento che questa immagine in particolare sia stata scelta e che abbia concorso per i premi finali.

Le fotografie sono solamente il risultato finale di situazioni e racconti di momenti particolari e questa immagine, più di altre, resterà nei miei ricordi proprio per come è stata scattata. Ho sempre pensato che nella fotografia di paesaggio la presenza umana dia un notevole valore aggiunto all’immagine stessa, sia perché la presenza di una persona dà, agli occhi di chi guarda, le giuste proporzioni al paesaggio fotografato, sia perché a volte esprime il profondo e significativo legame fra l’uomo “esploratore” e la terra “esplorata”. Concetto secondo me presente nelle più belle fotografie paesaggistiche.

Quel giorno di ottobre ero da solo in uno dei posti più fotografati del nostro Trentino, il Lago Nero sopra la val Nambrone. L’unico modo per avere una presenza umana era proprio quello di ritrarre me stesso nella mia stessa fotografia. Ho quindi pensato di “entrare” nella mia fotografia lasciando la macchina fotografica sul cavalletto collegata ad un telecomando che ha iniziato ad attivarla per scattare una foto ogni minuto, dopo un iniziale ritardo di circa 10 minuti. Giusto il tempo per correre dalla parte opposta del lago e cercare la posizione più naturale possibile sulla roccia, che desse la composizione dell’immagine migliore. Giusto il tempo per “saltare” dentro la mia foto.

L’avere messo la macchina fotografica vicino all’acqua mi ha permesso d’ottenere una prospettiva particolare. Le rocce vicine al lago, sopra le quali mi sono messo, si confondono in dimensione con le montagne del Brenta che stanno in realtà dall’altra parte della val Rendena. L’occhio è quindi ingannato dalla prospettiva e la mia figura appare molto grande, simile alle montagne del Brenta e alla stessa Luna!

 

H o m e

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s